Associazione Salute

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Stress da lavoro: riconoscerlo e curarlo

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

stress lavoroIl lavoro stressa molto più di quanto si possa immaginare. I principali imputati, sarebbero la soddisfazione del lavoro svolto e la fretta, senza tralasciare alcuni fattori di grande impatto che è la preoccupazione di perdere il lavoro e la riduzione di mansione, ecc. Sembrano proprio tutti gli ingredienti aggiunti o accresciuti dal ministro Brunetta!

Lo stress è una sindrome di adattamento a degli stressor (sollecitazioni). Può essere fisiologica, ma può avere anche dei risvolti patologici.

Lo stress può risultare di interesse clinico qualora consista in sintomi emotivi o comportamentali tali da causare sofferenza soggettiva e una significativa compromissione nel funzionamento sociale e lavorativo del soggetto. Le caratteristiche di fragilità o rigidità del soggetto giocano un ruolo importante nel momento in cui egli deve produrre strategie per rispondere in modo adeguato a una modificazione dell'ambiente.

I motivi chiaramente sono tanti e non di rado soggettivi. Il 27% dei lavoratori italiani raggiunge un livello di stress serio e potenzialmente pericoloso.

Ecco alcuni campanelli d’allarme:
-    sovreccitazione, irritabilità e rabbia: scatti di aggressività anche per motivazioni futili;
-    scarsa capacità di concentrazione e scarsa attenzione (che può essere anche causa di infortuni)
-    spossatezza;
-    facilità al pianto: un segnale che si è arrivati al limite delle proprie risorse;
-    disturbi alimentari: scarso appetito o fame nervosa;
-    diminuzione del rendimento;
-    calo della memoria;
-    diminuzione dell’autostima: sensazione di inadeguatezza, impotenza, frustrazione;
-    disturbi del sonno: difficoltà ad addormentarsi, risvegli precoci, risvegli frequenti, insonnia;
-    disturbi cardiovascolari: tachicardia e palpitazioni, ipertensione arteriosa;
-    mal di testa.

A curarsi sono molto più le donne (18%) degli uomini  (9%).
Da un recente studio circa 40% ha assunto farmaci (antidepressivi, ansiolitici e sedativi, da soli o in combinazione tra loro), il resto ha optato metà  (30%) per lo sport e altrettanti (30%) hanno optato per la psicoterapia.

È’ curioso notare come lo sport, che si è sempre dimostrato tra le terapie più efficaci, sia spesso  auto-prescritto e mai suggerito dallo specialista.sport volley

Lo sport fa bene all’umore, perché libera endorfine, al fisico, mantiene allenato il cuore e sotto controllo il peso e la mente, perché mentre lo si pratica è più facile non pensare ai guai dell’ufficio e forse anche a sdrammatizzare.

Chi ha provato lo sport per curare lo stress è soddisfatto, anche perché li beneficio si protrae nel tempo. I farmaci si sono dimostrati insoddisfacenti: il loro effetto è considerato effimero.

Vedi anche:

You are here
دانلود فیلم دانلود فیلم دانلود فیلم خرید vpn خرید کریو خرید کریو خرید vpn