Associazione Salute

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Prescrizioni inutili e liste d'attesa

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

vignetta_liste_attesaGli italiani trascorrono il loro tempo negli ospedali per effettuare indagini cliniche e di laboratorio, dilapidando miliardi di euro, sprecando centinaia di migliaia di ore lavoro e ingrossando a dismisura le liste di attesa. A questa conclusione è pervenuto il centro studi Sic di FederAnziani passando al setaccio i dati delle attività clinica e di laboratorio del comparto sanitario.


[Google reader salute Sicilia] Dai dati emerge che nel 2009 (su dati 2007) gli Italiani si sarebbero sottoposti complessivamente a ben oltre 1 miliardo 300mila prestazioni sanitarie, quasi 21,66 procapite.

A guidare la classifica l'Emilia Romagna con ben 24,13 prestazioni per residente; a seguire, le Marche (24,07 per residente) mentre in fondo alla classifica vediamo il Friuli con 20,54 prestazioni e la Sicilia con 18, 08 prestazioni per cittadino.

E scomponendo il dato procapite i dati peggiorano. Infatti nelle fasce d'età 1-25 il ricorso alle attività cliniche e di laboratorio diminuisce mentre aumenta di un terzo in quelle 26-40, del 50% nella fascia 41-50 del 50% tra i 51-65 e triplica nella fascia over 65.

L'enormità di prestazioni è generata dal fenomeno emergente del consumismo sanitario, cioè dalle prescrizioni facili. Alcuni fattori determinano quest'enormità di prestazioni: la medicina difensiva, il ricorso alla specialistica per almeno il 50% dei casi, infine la totale "gratuità" delle prestazioni.

Tutto ciò secondo FederAnziani è all'origine delle interminabili liste d'attesa. L'area più interessata dal fenomeno delle liste d'attesa è la diagnostica con il 51% delle segnalazioni, seguita dalla specialistica con il 23% e dagli interventi chirurgici con il 20%.

Secondo FederAnziani ''solo una presa di coscienza dei medici di medicina generale potrebbe portare a un'inversione di tendenza, ma poco gradito per l'intramoenia, per la medicina difensiva e per il turismo congressuale, per restare nell'ambito del lecito.

In compenso però - critica l'associazione - si sta per discutere un ddl vergognoso per la coscienza civile dei cittadini, ovvero la depenalizzazione della malpractice medica.

Vedi anche:

You are here
دانلود فیلم دانلود فیلم دانلود فیلم خرید vpn خرید کریو خرید کریو خرید vpn