Associazione Salute

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Strage nascosta del talidomide

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 

Una stupenda, toccante e struggente lettera sul farmaco talidomide ricevuta e pubblicata. Un racconto diretto di chi ha subito la faciloneria criminale (a dir poco) delle case farmaceutiche che senza scrupoli mettono a repentaglio la vita.

effetti talidomideVi scrivo perchè sono un portatore di handicap nè disabile nè un diversamente abile, in poche parole alcuni problemi sono miei legati alla mia fisicità, altri e molti me li creano quotidianamente le relazioni sociali, fino all'impossibilità di muovermi, vedi la voce barriere architettoniche ancora esistente.

Quindi handicap e handicappato vengono bene insieme, non gironzoliamoci intorno è così finché non cresceranno il sociale e l'umano. Mi rendo conto che ci sono problemi più importanti del mio, come ora che è stato bocciato il lodo-alfano e quindi l'impunità alle più alte cariche dello stato con il rischio o la fortuna che cambi governo. Già lo STATO colui che ci rappresenta e dovrebbe vigilare sul popolo sulla nazione e che dovrebbe fare gli interessi di tutti non di pochi e dovrebbe rispettare e far rispettare le leggi e l'uguaglianza.

Dalla mia storia personale possiamo arrivare a comprendere quale e come si è sviluppata sia l'informazione del nostro paese che la politica tutta, e come il male che oggi ci rappresenta viene da lontano, seppur ne vediamo la punta e tutto il resto rimane nascosto, come un'isola immensa sotto il mare, d'altronde il mare su qualcosa poggia.

Guardavo i numeri di telefono del mio cellulare, spesso chiamo le persone, ma sai li ho memorizzati e quindi non ci faccio caso. La mia non è memoria, è praticità, se dovessi cancellare per errore anche il numero telefonico al quale sono più legato non lo ricorderei perchè non ne pigio i numeri non alleno la memoria reale. Questo era un esempio per dire che nessuno conosce la storia di questo farmaco TALIDOMIDE o meglio nessuno si è mai interessato delle tante balle che ci girano intorno e che da 47 lunghi anni vivono sulla mia pelle.

Lo stato italiano sempre ammesso che non cada governo faccine e faccette si è finalmente ripromesso di dare un contributo ai portatori d'handicap colpiti da questo farmaco. Mia madre lo prese come calmante contro le nausee e quando mi ha visto per la prima volta ha compreso cosa aveva ingerito mesi prima.

Il farmaco in questione se preso in gravidanza induce a malformazioni multiple facendo nascere bambini con arti inferiori e superiori disastrati.

Ricordo da piccino girando per gli ospedali, bambini con due teste che sono sopravvissuti pochissimo dopo la nascita, manine attaccate alle spalle, piedini subito dopo il busto, e via dicendo, ma soprattutto ricordo le lacrime e la solitudine di quelle madri come la mia che avevano deciso di tentare e di tenere il figlio in vita malgrado tutto. Il talidomide fu inventato dalla ditta tedesca Chemie Grünenthal e fu messo in commercio dopo 3 anni di prove su animali. Anche altri paesi, come l'Inghilterra e la Svizzera, dopo aver acquistato la licenza provarono l'innocuità assoluta del farmaco sugli animali. Nel 1956 Kunz e collaboratori alla Grunenthal effettuarono dei test sulla talidomide in animali non gravidi, con risultati negativi; ma lo studio era di bassissima qualità.

Nel 1957 si ebbero i primi casi di tossicità della talidomide, non rilevati al momento, ma riscoperti a posteriori dopo il 1961. In poche parole tutte queste persone inventavano e inventavano stronzate pur di vendere il farmaco in tutta europa. Solo tempo dopo il 1961 data in cui ritirarono il farmaco da tutta europa, si accorsero e ricordarono di non aver mai sperimentato il farmaco su cavie incinte. Lo fecero successivamente sulle topoline e queste davano alla luce soltanto nidiate di cuccioli malformati.

Il farmaco è vero fu ritirato dal mercato e parliamo di europa grazie alla denuncia di alcuni scienziati e alcuni giornalisti che pubblicarono le prove una volta acquisite. Il problema era uno, che il farmaco era stato venduto in tutta europa con 40 diversi nomi e quindi era difficile bloccarlo, anche grazie alla disinformazione.

Comunque troppo tardi, mia madre lo prese come tante altre donne, e nel 1962 ci fu la nidiata incredibile di bambini malformati al mondo. Calcolate che ne sono nati altri anche negli anni successivi fino al 1972 e soprattutto in italia. Il bello è che tutti i giornali ora parlano di questo risarcimento che ci dovrebbero dare e dicono che sono un centinaio di casi esistenti nel nostro paese e forse hanno sicuramente ragione, ma non dicono il resto di questa mostruosa storia.

Non dimenticherò mai quegli anni in cui circolavo nelle stanze del policlinico di Roma con dottori che non davano nessuna speranza a mia madre e gli dicevano che sarei cresciuto semmai ce l'avessi fatta, più largo che lungo. Che belle parole che dolcezza quanta apprensione al prossimo. Soprattutto mia madre spesso mi ricordava che quando sono nato non volevano darmi alla sua passione al suo amore, insomma mi nascondevano. Solo dopo una testimonianza anonima che vorrei ringraziare anche oggi  perchè bene o male la vita è meravigliosa e sono contento di viverla anche cosi', mia madre venne a sapere che mi avevano abbandonato alla nascita in una sala mortuaria ma che ero vivo mentre lei l'anonima infermiera mi somministrava di nascosto camomilla e latte rapinato ad altre tette.

Dopo un cinque giorni mia madre si incazzo' furiosamente e furono costretti a consegnarmi alle sue braccia e finalmente ho conosciuto il latte quello del seno… un poco di amore indelebile e indimenticabile e mai piu' incontrato, amore vero che tutti spero avete vissuto. Con questo metodo forse hanno fatto sparire altri bambini ed altri ancora uniti al coraggio delle madri morirono successivamente visto le gravi malformazioni, altri come chiesero a mia madre furono poi ceduti ad istituti i quali prendevano rette per il mantenimento di questi bambini definiti, scarabocchi, dall'alto primario del policlinico ortopedico di allora.

Mentre lo scandalo di questo farmaco veniva denunciato e comunicato rapidamente da paese a paese in italia non arrivava notizia, cosa strana, visto che negli anni sessanta gli uomini politici al potere ce li rimpiangiamo, chi lo avrebbe mai detto, soprattutto oggi. Gli altri paesi successivamente fecero causa alla casa farmaceutica e attraverso lo stato chiesero un rimborso per queste vittime e lo stato ogni singolo stato europeo assegnò, sentendosi responsabile per non aver vigilato sul farmaco un assegno mensile alle vittime sopravvissute al talidomide.

Dunque ripeto, si dice che in italia siamo rimasti un centinaio in tutto, di sopravvissuti al farmaco, ma quanti eravamo? si dice che in europa in tutta europa i casi non superano le ottomila persone. E allora senza voler fare della matematica, e partendo dalla mia nazione diciamo che negli anni sessanta la popolazione italiana era costituita da 30 milioni di persone, diciamo che il farmaco sara' stato dato ad un 20 per cento delle donne incinte, quanti bambini sono deceduti o sono stati lasciati morire dopo la nascita?

Non dimentichiamo che il farmaco e' stato fatto circolare in tutti i paesi europei sotto 40 nomi diversi e quando lo hanno veramente ritirato dalle farmacie e come ? e facendo la mia semplice statistica, sempliciotta davvero, quanti bambini in tutta europa sono deceduti alla nascita o subito dopo, migliaia? milioni?

Dove sono quei nomi e cognomi e chi ne parla e chi ne ha parlato? sono un sopravvissuto di quella maledetta strage tragedia e mi chiedo come mai il mio paese l'italia, con dei politici preparati, non mi ha mai risarcito, non mi hai mai chiesto, anzi ha collaborato a far sparire le prove invece di attuare come accadeva in tutta europa un risarcimeno anche dalla casa farmaceutica e metterci un suo assegno successivo di scuse per non aver vigilato.

Posso pensare ed ho tutto il diritto di farlo che i politici MONALDI - GIARDINA - JERVOLINO - tutti delle democrazia cristiana e tutti ministri della sanità italiana non fecero il loro dovere nè gli altri che vennero successivamente si preoccuparono di come eravamo riusciti a sopravvivere in questo fottutissimo paese.

Anzi mentre si davano pensioncine in cambio di voti, alla visita medica dei miei diciotto anni, dissero a mia madre che forse era meglio non prendere la pensione massima altrimenti per me non ci sarebbe stato nessun lavoro, quando di diritto posso avere entrambi pensione e stipendio. Ma mia madre era ingenua, bella come il sole per la sua ingenuita' e immaginandomi felice dietro una scrivania e socialmente inserito rinuncio' alla pensione fino a quando capita la truffa molti tanti troppi anni dopo chiesi il tutto attraverso avvocati che facilmente vinsero la causa per vedere riconosciuto un diritto che a colpo d'occhio è evidente.

La piu' grande strage europea di bambini e nessuno ne ha parlato, quali interessi, quali scopi, quali vergogne hanno insabbiato gli stati se oggi anche coloro che hanno risarcito il danno e dato l'assegno, parlano solo di 8 mila persone coinvolte. vorrei correggere, ottomila persone sopravvissute e come?

Uscito dall'inferno di ospedali e amici che morivano il giorno dopo averli conosciuti vicino al mio letto, sono tornato a casa un viaggio durato 14 lunghi anni e sette interventi. A casa mi attendevano i parchi giochi, ma non ci potevo andare, i bambini che li avevano occupati mi prendevano per il culo per la mia diversita' fisica… un mondo fatto per normali non considerava quello che subivo a causa del loro mercificare sulla mia pelle ne me ne rendevo conto, mi bastava e mi basta ancora vivere. Ho una voglia di vita anche oggi che spesso mi perdo non vivendola.

Poi un lavoro al comune elimosinato per un dirititto di quote e' arrivato… guarda come sono handicappato… ci sono rientrato in quelle quote altrimenti sarei finito al macero… tutti i giorni a lavorare e la paura di  incontrare qualcosa qualcuno… il maledetto scalino. Infine alcuni amori anche per me si sono presentati fino all'ultimo … ed è nata una perla … poi il divorzio l'andare il venire insomma tutto il resto quotidiano piu' questo farmaco che non mi abbandona mai e poi mai.

Da sottolineare che ogni tappa della mia vita deve avere a che fare con lui il talidomide e con quanto
mi aveva creato di bizzarro fisicamente. Se ti presenti ai genitori di lei c'e' lui, se vuoi andare a ballare, se vuoi salire una scala , devi sempre dimostrare che ce la puoi fare che malgrado l'apparenza hai voglia da vendere e dire la tua. Inoltre mia madre e' deceduta per mieloma multiplo, ed oggi sembra che questo farmaco lo riesca a curare. Mia madre poteva salvarsi con lo stesso farmaco che gli ha causato un dolore immenso, e come sempre non lo sapevamo allora e non lo sapevano dopo il suo decesso. quando hanno capito come poterla curare era deceduta e neanche tanto per il mieloma ma per una fottutissima chemio terapia fatta male all'ospedale Pertini di Roma, insomma e' deceduta per arresto cardiaco anche per lei causato da malasanità.

La cosa piu' strana di questo farmaco e' che non lascia tracce nei suoi passaggi, di milioni di bambini deceduti si parla di qualche migliaio, in italia le tracce del talidomide sono state fatte sparire da qualsiasi cartellina ospedaliera tanto che io risulto come un caso CONGENITO… cioè malformazioni multiple causate da … ma non lo dicono. Ora come faranno a sapere chi sono i talidomidici da risarcire? certo ci sono dei segni evidenti, malformazioni multiple a tutti o ad entrambi gli arti, ma come non puoi non farti la domanda…  Perche' non l'avete scritto? Cosi sento mia zia al telefono tutta contenta che mi comunica la notizia del risarcimento… si parla di tabelle militari da un minimo di 2500 euro al mese ad un massimo di 4000 mila euro, secondo come sei conciato fisicamente e come sei sopravvissuto. Nuovamente la domanda, nuovamente il dubbio, caro stato quando eri responsabile del disastro perche' dovevi vigilare sulla salute di tutti hai fatto circolare il farmaco e non hai chiesto alla casa farmaceutica di risarcire il danno ed oggi quando ho orami quasi 50 anni mi viene a dire e dare forse, dopo altre mille travagliate vicende per dimostrare quello che hai nascosto, un assegno con tanti saluti.

Il tuo assegno mensile non servira' a riparare i danni di una vita che mi hai causato e anzi speri con questo gesto che io muoia il prima possibile come e' successo agli altri milioni di bambini dimenticati, per non darmi ne riconoscermi mai gli arretrati economici cioe' dei tuoi errori. Certo forse vivrò un po' meglio grazie a questo assegno e siccome mi guardo intorno mi sento anche in colpa se vivro' economicamente allegro in mezzo a questa disgrazia che sta eliminando migliaia di posti di lavoro per quello stesso profitto che mi ha condannato e tentato piu' volte di farmi odiare il mondo, senza mai riuscirci.

Non mi sento un eroe mi sento non protetto da una politica che dovrebbe riconoscere e difendere i diritti di tutti non solo personali e invece io sono nato cosi' solo perche' quella politica ha deciso di coprire gli interessi di pochi.

Chi può ridarmi le mancate corse in bici? Una moto? Presentarti ad un ragazza senza avere paura e vergogna, le feste in cui non mi invitavano? chi può farmi giocare a pallone e smettere di avere orrore dei scalini? Chi può farmi spogliare al mare senza che nessuno ti guardi come un'appestato? Quattromila euro al mese? Chi ha tentato di fregarmi tutto questo? La cosa che più mi fa incazzare è che esisto e resisto anche se faccio parte dei dimenticati e quello che chiedo ad uno stato è di non dimenticarmi e non dimenticare gli altri che verranno, ma non ascolta. Cazzo sono cinquant'anni che gli parlo… e non mi ha mai rivolto parola nè dato ascolto nè chiesto scusa.

[salute Sicilia]  

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Per scrivere a Massimo - giornale@namir.it gli gireremo le vostre e-mail. 

Vedi anche

You are here
دانلود فیلم دانلود فیلم دانلود فیلم خرید vpn خرید کریو خرید کریو خرید vpn