Associazione Salute

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

Al sud più obesi del nord

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

italia spaccata nord-sudI ricercatori dell’osservatorio nazionale sulla salute della donna hanno notato come le donne meridionali, in gran parte con un livello socio-economico basso, siano svantaggiate rispetto a quelle delle regioni centro settentrionali. Nel Sud è evidente una prevalenza di persone obese e in sovrappeso (38% di donne e oltre il 55% degli uomini) e diabetiche, con Campania e Sicilia in testa per il tasso di mortalità. Le differenze tra le due parti d’Italia ci sono anche nella sanità e si fanno sentire ogni anno.

Un problema che secondo il professor Walter Ricciardi, curatore della ricerca, è dovuto soprattutto a un gap di conoscenze ed educazione: «Le donne del Sud risultano svantaggiate sia perché affrontare un problema significa conoscerlo ed averne le informazioni» spiega l’esperto «Che spesso mancano nelle regioni meridionali, sia perché non ci sono strutture organizzate, sia per il livello socio-culturale di scolarità inferiore rispetto al Nord».

Solo riguardo ai tumori si assiste ad un livellamento tra Nord e Sud: la loro incidenza è aumentata notevolmente nelle regioni meridionali al punto che nel 2010 si ipotizza il raggiungimento dei valori del Nord. È un dato da leggere in positivo, a dimostrazione della crescita degli screening di prevenzione. La mortalità, infatti, è diminuita. Fumo e alcol, invece, sono in crescita: il consumo è aumentato nelle donne sopra i 15 anni, con fasce che hanno registrato un pericoloso +16,63%.

Altro serio segnale d’allarme è l’aumento dei disturbi psichici. Nevrosi, psicosi, disturbi della personalità e dell’alimentazione, depressione e altre patologie, anche correlate all’abuso di sostanze o farmaci, sono all’ordine del giorno, soprattutto tra le giovanissime. I numeri dell’ospedalizzazione per questi disturbi parlano chiaro: si è passati dal 2003 al 2005 da 47 a 50 casi ogni diecimila ricoveri. «Le cifre sono sottostimate» ricorda Ricciardi «E possono sembrare piccole. Invece si tratta di quasi 10mila casi in più all’anno».

Il dato più preoccupante riguarda i disturbi dell’alimentazione, di cui soffre il 5% della popolazione, ben 3 milioni di italiani affetti da bulimia, anoressia o obesità psicogena. E il 96,2% è rappresentato da donne, nonostante attualmente si assista ad un preoccupante aumento anche tra gli uomini.

«Il problema sono gli stili di vita, a cui le persone non riescono ad adeguarsi, e soprattutto le donne»

da: osservatorio nazionale sulla salute della donna

You are here
دانلود فیلم دانلود فیلم دانلود فیلم خرید vpn خرید کریو خرید کریو خرید vpn